venice project diventa Joost.com

Il Venice Project cambia nome in Joost.com, promettendo il primo servizio televisivo su Internet a qualità broadcast: una televisione a pieno schermo, con un cambio di canale istantaneo, ed interattività. Con alle spalle Niklas Zennstrom e Janus Friis, i due fondatori del servizio di file sharing Kazaa e del pioniere delle telefonate VoIP Skype, Joost è ora giunto alla versione 0.8 di un servizio di streaming di contenuti televisivi su Internet, realizzato in peer to peer con l’intenzione di unire il piacere dei contenuti professionali televisivi con la possibilità di scelta e le funzioni sociali della Rete.
L’obiettivo sembra essere quello di “sposare il meglio della tv con il meglio della Rete”, anche se per ora, oltre a sport, documentari ed intrattenimento musicale, non sono presenti contenuti di particolare attrattività; il CEO Frederik deWahl insiste, nel corso della presentazione del servizio negli uffici londinesi della compagnia, nel confermare che lo stato attuale del servizio è un trial destinato a chi partecipa al beta testing della piattaforma, e che nei prossimi mesi la quantità dei contenuti offerti aumenterà sensibilmente.
Introdotto fin da ottobre dello scorso anno da una attenta strategia di rivelazioni ed interviste dai contorni necessariamente sfuocati, Joost dovrebbe trovare il proprio modello di business nell’advertising dopo l’attuale fase iniziale finanziata dai 2.6 billion che Zennstrom e Friis hanno incassato vendendo Skype ad eBay; non è invece ancora chiaro il peso che avranno i contenuti user generated nella programmazione, nè se la potente e sperimentantissima struttura di relazioni commerciali di eBay verrà in qualche modo utilizzata per realizzare con Joost la prima piattaforma di servizi che consenta un reale mercato di prodotti audiovisivi su Internet.
Nel frattempo il presidente di Fastweb Silvio Scaglia ha ceduto il 16 gennaio una parte della sua partecipazione azionaria nella società, e sembra lo abbia fatto per ricavarne liquidità utile a finanziare il progetto di tv su peer to peer della società irlandese Babelgum, concorrente di Joost in questo tipo di attività insieme alla californiana Zudeo (che però propone solo un portale da cui downloadare i clip video).

2 risposte a venice project diventa Joost.com

  1. davide turi scrive:

    Pochi giorni dopo aver intimato a YouTube di eliminare dal proprio portale 100.000 video della propria library, Viacom ha firmato un accordo di fornitura dei propri contenuti a Joost.
    Cfr. http://news.bbc.co.uk/2/hi/technology/6379595.stm
    http://punto-informatico.it/p.aspx?id=1877356

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: